Nel marketing digitale, una landing page è una pagina web singola, creata appositamente per una specifica campagna. Letteralmente, si chiama pagina di atterraggio perché è lì che arriva un visitatore dopo avere cliccato su una call to action o su un’inserzione su Google AdWords.

eBook - web design del sito aziendale 

Le landing page sono progettate con un obiettivo e devono quindi essere il più possibile semplici per garantire che il tasso di conversione della campagna collegata si mantenga alto.

 

 

 

Per comprendere appieno le differenze tra landing page e altre pagine del sito web aziendale, come la homepage, è fondamentale anche considerare le diversità fra traffico organico (che deriva dalle ricerche degli utenti online) e traffico a pagamento.

 

 

Collegamenti Rapidi:

 

 

 

Perché le landing page sono così importanti?

Sono molte le aziende che collegano le proprie campagne di digital marketing, anche a pagamento, alla homepage del sito: email, inserzioni sui social media o PPC. Si tratta però di un’occasione sprecata perché tutto il traffico che si presume sia targettizzato e quindi qualificato rischia di non avere opportunità di convertirsi in lead.struttura di una landing page

 

La landing page è invece ottimizzata proprio per invitare il visitatore a compilare il form al suo interno con i propri dati e diventare un contatto commerciale a tutti gli effetti.

 

Se ad esempio avete attivato una campagna PPC di Google AdWords che targettizza una delle parole chiave principali del vostro business, anche riuscendo a convincere l’utente a cliccare perché legge quanto sia valida e completa la vostra proposta, se arriva homepage, quale sarà il passo successivo per lui? Cosa volete che faccia questo visitatore per ora ancora anonimo?

 

La definizione dell’obiettivo della campagna dovrebbe essere il primo passo e, solo una volta individuata l’azione che si vuole fare compiere agli utenti, si deve fare in modo che a loro risulti il più naturale possibile. Per farlo, è molto meglio farlo atterrare su una pagina specifica.

Provate a fare un test, vedrete il tasso di conversione migliorare notevolmente.

 

Quali elementi determinano l’efficacia delle landing page?

Ora che abbiamo compreso perché sia fondamentale avere delle landing page a supporto delle campagne di digital marketing, passiamo a descrivere gli elementi per assicurarsi che ottenga i risultati desiderati.

 

  • Limitare la navigazione:dopo avere condotto gli utenti qualificati alla pagina perché compiano un’azione, meglio non inserire elementi di distrazione. È importante che esistano meno “vie di fuga” possibili per fare in modo che tutta l’attenzione sia concentrata sul form da compilare. La cosa fondamentale è che la barra di navigazione sia nascosta, nelle landing page.

 

  • Spiegare il valore dell’offerta:qualunque sia il contenuto/l’evento/l’iscrizione a cui il visitatore avrà accesso dopo avere lasciato i propri dati, fate in modo che la landing page ne esalti il valore. Occorre assicurarsi che risponda alle esigenze dei prospect affinché sia appetibile.

    il form della landing page

 

  • Consentire la condivisione: il pubblico target che visita una landing page fa sicuramente perte di un ampio network di professionisti, perché non approfittarne? L’aggiunta dei pulsanti per la condivisione sui social non costa nulla e permetterà a chi trova la proposta interessante di inviarla anche ad altri come lui, ampliando il vostro raggio d’azione.

 

  • Essere chiari e brevi: più testo c’è sulla landing page, ma soprattutto più campi contiene il form, meno sarà probabile che questo venga compilato, mettendo a rischio il tasso di conversione.

    analisi di una landing page

 

  • Testare sempre: questa è una delle regole basilari dell’inbound marketing che basa il proprio successo proprio sulla possibilità di misurare ogni attività con precisione. La landing page è un esempio perfetto delle potenzialità di testare versioni diverse e comprendere quale sia la più performante, in un’ottica di ottimizzazione continua.

 

Vuoi un esempio? Clicca qui e vai all’infografica: anatomia di una landing page che converte!

 

Le landing page nei risultati di ricerca: organico a pagamento a confronto

Nel rispondere alla domanda “Cos’è una landing page?” occorre considerare la motivazione per cui sono stati progettati questi strumenti: le inserzioni Google Adwords.

 

landing page anatomy

 

Nell’immagine, un esempio di pagina contenente i risultati di ricerca Google, ciò che compare all’utente che ha digitato una parola chiave e premuto invio.

 

Le aree principali sono 4 e comprendono:

 

  1. Inserzioni a pagamento di Google AdWords (che targettizzano la parola chiave ricercata
  2. Inserzioni a pagamento di Google Shopping Ads (sempre in targett con la keyword ricercata)
  3. Snippet di Google
  4. Risultati organici della ricerca

Iniziamo dall’ultima sezione, la numero 4, i risultati organici della ricerca sono i link alle pagine dei siti che Google ha scelto di mostrare in risposta alla ricerca per una specifica parola chiave. Questo è il motivo principale per cui oggi è essenziale avere un sito web aziendale: essere trovati attraverso una ricerca organica.

 

I risultati a pagamento (sezioni 1 e 2) sono strumenti diversi, poiché nelle inserzioni si ha l’opportunità di scegliere a quale pagina collegare il link proposto dal motore di ricerca.  Le possibilità sono 2: la homepage del sito oppure (opzione consigliata) una landing page creata specificamente per gli scopi della campagna relativa all’inserzione.

 

Qual è la differenza tra homepage e landing page?

Nell’immagine che segue potete vedere a sinistra un esempio di homepage e a destra una landing page. Gli elementi colorati di arancione indicano la presenza di link all’interno della pagina: come si può facilmente notare, se in homepage ci sono 43 link, nella landing page ne esiste solo uno.

home page vs landing page

 

Il motivo? È dimostrato come l’assenza di link sulla landing page migliori notevolmente il tasso di conversione poiché le distrazioni a disposizione dell’utente sono pressoché nulle. Ecco perché i marketer esperti scelgono di indirizzare il traffico proveniente dalle inserzioni a pagamento a una landing page dedicata.