<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=653667611461993&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Fontimedia Marketing Blog

Come migliorare il traffico organico del sito con il SEO

Posted by Valeria Caglioni on 1-apr-2016 17.51.38


10 consigli per migliorare il traffico organico al sito

 

Se non vedete più i risultati di un tempo dalle campagne di vendita e i vostri commerciali faticano a farsi ascoltare dai prospect, forse starete considerando l’idea di usare una nuova fonte di Lead Generation. Il digital è sicuramente il canale più efficace per generare nuovi contatti commerciali B2B validi e in questo post prenderemo in esame una tecnica specifica volta all’ottimizzazione delle vostre pagine web: il SEO.


 

Volete trovare un modo per attrarre più visitatori al vostro sito internet? Non siete soli in questa sfida. Sembra che molte aziende siano alla disperata ricerca di una soluzione che, come per magia, incrementi il volume del traffico sul sito e lo faccia comparire tra in prima pagina nei risultati delle ricerche Google. Il SEO (Search Engine Optimization) non è solo una serie di regole di base, ma richiede la trasformazione del sito in un un meccanismo perfettamente funzionante.

 

Ottimizzazione_del_sito_per_i_motori_di_ricerca.jpg

 

Seguendo alcuni consigli pratici, potrete decisamente migliorare i risultati della vostra strategia SEO, se già ne avete una, o scoprire come impostarla correttamente senza correre il rischio di sprecare tempo, energie e denaro, migliorando il posizionamento della vostra pagina nelle ricerche web. I trucchetti per potenziare le attività di SEO sono molti, ne abbiamo scelti 8 per voi.

 

8 strumenti per incrementare il traffico organico del sito tramite il SEO

 

  1. Contenuti – tenete sempre a mente che i contenuti che preparate devono essere utili alle persone, non ai motori di ricerca. È fondamentale includere le parole chiave scelte per la campagna promozionale nelle vostre pagine, ma l’aspetto più importante è che il materiale proposto sia pieno di informazioni utili e significative.

NOTA: i motori di ricerca prediligono i contenuti nuovi e rilevanti. Molto spesso accade invece che i contenuti di un sito rimangano sempre gli stessi, statici, per questa ragione, un blog può rappresentare una scelta vincente include a blog. Un blog può essere aggiornato ogni settimana e scrivendo nuovi post potrete costruire una relazione con il vostro pubblico, dimostrare competenza e autorevolezza sui  temi del settore e offrire a Google nuove pagine da indicizzare. In questo modo otterrete l’effetto desiderato: attrarre visite al sito in modo naturale.

 

  1. Nome della pagina – seguendo i consigli della piattaforma Hubspot, il titolo delle pagine web dovrebbe avere meno di 70 caratteri e contenere non più di tre long tail keyword. Assicuratevi quindi che i nomi delle sezioni del vostro sito siano univoci e richiamino il loro effettivo contenuto per incrementare il traffico sul sito e fare in modo che sia di qualità.
  1. Tag heading – non spaventatevi, i tag heading sono i titoli di testata, utilizzati durante la formattazione del testo. Nel linguaggio HTML per la scrittura web tali intestazioni si ottengono con l’utilizzo dei tag H. Imparare l’uso degli heading tag all'interno di un blocco di testo è importante ai fini della corretta indicizzazione di Google: segnalano ai motori di ricerca QUALI parole sono più importanti di altre all'interno di un testo. Sceglietene 1-2 per il titolo della pagina, altri per i titoli delle sezioni e dei paragrafi, altri ancora per il corpo del testo. Google riconoscerà questi tag come delle vere e proprie etichette indicanti l’argomento contenuto all’interno della pagina web, portandovi nuovi visitatori che cercano proprio le vostre offerte.
  1. Meta-description – questa espressione indica la breve informazione testuale che si trova nei risultati delle ricerche web, proprio sotto un link. La sua funzione è descrivere all’utente del motore di ricerca il contenuto del sito che compare tra i risultati. Il consiglio che possiamo dare è che non abbia più di 150 caratteri e contenga almeno due delle parole chiave usate per il nome della pagina. La meta-description vi dà l’opportunità di comunicare perché quell’utente dovrebbe cliccare il link e visitare il vostro sito.
  1. URL – l’indirizzo del vostro sito (URL) dovrà contenere le parole chiave, utilizzate pure il nome della pagina, in ordine di importanza, ovviamente scrivendo prima le principali. Separare le parole aiutandovi con i trattini ( - ): Google riconosce il trattino come separatore delle diverse parole, mentre non ha ancora assegnato la medesima funzione al trattino basso, underscore ( _ ). Ogni elemento del SEO contribuisce al raggiungimento dell’obiettivo di incrementare il volume del traffico sul sito, non trascurate alcun aspetto!

ESEMPIO: date un’occhiata all’URL di questo post: contiene il dominio del sito in cui si trova il blog e le parole chiave separate da trattini.  

 

  1. Immagini – tutte le immagini usate all’interno della pagina web andrebbero rinominate utilizzando le parole chiave. Come per l’URL si possono usare i trattini per separare i diversi termini. Non dimenticate, tornando al linguaggio HTML, di includere il cosiddetto alt-text, auna parola o una frase che descriva l’immagine. L’alt-text è riconosciuto dai motori di ricerca e vi darà un’altra opportunità per essere trovati, attraendo ulteriori utenti qualificati al sito.
  2. Link interni – collegate tramite due o tre link la vostra pagina ad altre sezioni del sito. Sfruttate le potenzialità di questi strumenti per mostrare ai visitatori quali e quanti altri contenuti interessanti avete da offrire e invitarli a continuare la navigazione. Non basta attirare il visitatore, bisogna essere in grado di trattenerlo sul sito, invogliandolo a scoprire sempre più informazioni.
  3. Meta-keyword – i cosiddetti meta-tag, utilizzati nel linguaggio HTML, pur non facendo più parte degli algoritmi di classificazione, sono comunque utili ed è consigliabile includerne 3-5 contenenti le parole chiave per ottimizzare la pagina web. Alcuni motori di ricerca minori usano ancora le meta-keyword per indicizzare un sito.  

 

download eBook Incrementare il traffico al sito  

 


 

Quali altre tecniche SEO vorreste approfondire? Cosa suggerireste di aggiungere alla nostra lista? Raccontateci la vostra esperienza! Come siete riusciti ad attrarre traffico di qualità e incrementare il numero delle visite al vostro sito? Non avete ancora idea di come fare? Fatecelo sapere con un commento o cliccate qui per saperne di più.



 

Topics: SEO, Incrementare il traffico al sito