<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=19740&amp;fmt=gif">

Fontimedia Marketing Blog

Come valutare i risultati lavorando con un’agenzia di marketing B2B

Pubblicato da Ron Benvenisti il 6-dic-2018 12.30.00

🕓 Tempo di lettura: 3 minuti

agenzia di marketing B2B

Collaborare con un’agenzia di marketing b2b significa affidarsi a un partner capace di supportare lo sviluppo commerciale, grazie a una strategia progettata su misura e fondata su un’esperienza sul campo.

Posto che gli obiettivi devono essere definiti e condivisi, come si monitorano i risultati? Lo scopriamo nelle prossime righe!



Cosa chiedere a un’agenzia di marketing B2B

Prima di firmare qualunque accordo con un’agenzia di marketing b2b, l’azienda deve avere bene chiari i suoi obiettivi di business. Un partner davvero valido è in grado di comprenderli e tradurli in numeri, in strategie e in KPI da monitorare.

Il primo argomento da smarcare con il possibile fornitore è il risultato che si vuole ottenere e la scadenza entro la quale centrare gli obiettivi.

 

Ecco una breve guida per impostare la conversazione con l’agenzia, prima di ingaggiarla.

Dopo avere condiviso gli obiettivi di breve e medio termine che la tua azienda vuole raggiungere con il supporto dell’agenzia di marketing b2b, è importante chiedere quali KPI sarà in grado di garantire e con quali scadenze.

Un esempio? Per molte imprese accorciare i tempi del ciclo di vendita è una priorità e ha un impatto diretto sull'incremento del fatturato. Oppure migliorare il tasso di conversione da lead a opportunità commerciale e da opportunità commerciale a cliente. Insomma, a seconda degli obiettivi macro, l’agenzia deve sapere identificare delle micro-aree di miglioramento per raggiungerli nei tempi definiti.

 

New Call-to-action

 

Un altro aspetto che l’agenzia deve assolutamente valutare è la situazione attuale delle strategie di marketing e sales dell’azienda. Se il sito è da ristrutturare, non tanto dal punto di vista estetico, ma della user experience, dei meccanismi di conversione e dei contenuti, occorrerà pensare anche al monitoraggio delle KPI legate al traffico e alla lead generation.

La proposta di restaurare il sito, creare contenuti e supportare la forza vendita introducendo un CRM, pur non essendo legata a KPI specifiche, può contribuire notevolmente al successo della strategia.

 

L’approccio vincente di un’agenzia si dimostra anche nella disponibilità a incontrare i commerciali, per comprendere di cosa abbiano bisogno per migliorare i loro processi e le relazioni con prospect e clienti.

 

Un altro punto molto importante riguarda le attività che devono essere svolte direttamente dai dipendenti dell’azienda. Solitamente è richiesta la partecipazione dei dipartimenti marketing, commerciale e customer service almeno nelle fasi di onboarding, per comprendere le esigenze e delineare i profili delle buyer persona.

È consigliato anche individuare un referente interno che si interfacci con l’agenzia partner per mettere nero su bianco gli accordi che riguardano, ad esempio, tempi di consegna e approvazione.

Per assicurarsi i risultati, occorre impegno da parte di tutti i gruppi coinvolti che si concretizza in feedback costante, ad esempio sulla qualità dei lead generati dalle campagne.

 

Ci deve essere fiducia reciproca, perché nel momento in cui è l’azienda cliente a indicare le attività da svolgere all'agenzia, questa non può essere ritenuta responsabile dei risultati.

Oltre alla fiducia, è importante che vi sia trasparenza nelle comunicazioni, affinché il cliente sappia cosa sta facendo l’agenzia partner, per quale motivo lo faccia e con quali obiettivi. Soprattutto quando non c’è un dipartimento di digital marketing interno, è bene spiegare, educando i propri interlocutori a una materia del tutto nuova.

 

Il segnale fondamentale, quando si valuta l’agenzia di marketing b2b con cui collaborare, è la convinzione che il successo dell’azienda si traduca in successo anche per il fornitore. 

agenzia di marketing b2b

Se arrivare a un accordo sulle attività da svolgere, sui KPI da monitorare e sulle scadenze per ottenere risultati risulta difficile, decisamente l’agenzia non è quella giusta. Non tutte le agenzie specializzate sono uguali e vanno bene per ogni tipologia di cliente, quindi niente panico e prosegui nella tua ricerca.

Non si tratta di una perdita di tempo ma del modo migliore per delineare una strategia efficace, ascoltando i suggerimenti dei colleghi di altri dipartimenti.

Molto dipende dal modo in cui il potenziale fornitore accetta le sfide. La tua azienda vuole 1000 lead al mese e attualmente il sito ne genera 10? Sicuramente un’agenzia seria ti dirà che occorre prima di tutto lavorare sull'incremento del traffico, sull'attrazione di prospect di qualità e poi sulla conversione in lead, ridimensionando l’obiettivo di 1000 al mese. Per essere realistiche e raggiungibili, le KPI di questo caso ipotetico potrebbero essere riviste in un aumento da 10 a 25 lead, in 3 mesi e non in 1, con un’ipotesi di aumento del traffico da 1000 a 1500 visitatori.  

 


 

Sulla base dei consigli che ti abbiamo fornito in questo articolo, dovresti essere in grado di valutare il potenziale partner di marketing e iniziare una collaborazione proficua per centrare i traguardi della tua impresa.

Vuoi approfondire l’argomento? Ti offriamo una sessione gratuita di 30 minuti online con un consulente esperto. Prenotala subito, cliccando qui sotto!

 

New Call-to-action

 

Topics: Digital Marketing B2B, Strategia digitale B2B, Inbound Agency