<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=19740&amp;fmt=gif">
Come creare pagine efficaci per la content strategy

Pubblicato da Laura Rinaldi il 26-mag-2020 12.30.00

🕓 Tempo di lettura: 3 minuti

Mi puoi trovare su:

content strategyPer avviare una content strategy di successo, non è possibile prescindere dal SEO copywriting, l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Strutturare le pagine nel modo giusto è fondamentale per farsi trovare dai potenziali clienti e coinvolgerli, fornendo loro contenuti di valore.

In questo articolo, vogliamo approfondire in particolar modo le pagine pilastro, offrendoti spunti e consigli per creare contenuti efficaci.

Content strategy: perché includere le pagine pilastro

Abbiamo più volte sottolineato quanto nel marketing b2b sia importante creare un blog che offra ai clienti contenuti di valore, con l’obiettivo di attirare la loro attenzione e fidelizzarli.

Per farlo, occorre strutturare una strategia ben precisa e scrivere articoli che trattino diversi temi in modo più o meno approfondito, ma sempre professionale.

Una strategia di content marketing basata sull'approccio inbound prevede due tipologie di articoli:

  • pilastro che trattano un tema analizzandone tutti gli aspetti in modo completo
  • cluster, generalmente più brevi, creati per supportare i pilastri, fare in modo che vengano considerati autorevoli dai motori di ricerca e compaiano tra i primi risultati

In una content strategy di successo, entrambe queste tipologie di contenuto sono fondamentali e devono fornire ai potenziali clienti informazioni utili, valide e interessanti.

Quando si parla di strategia di inbound marketing b2b, non si può non parlare di HubSpot e della struttura suggerita per organizzare i contenuti.

New Call-to-action

 

Si tratta di una serie di cluster che rimandano, tramite link interni, allo stesso pilastro. Cluster e pilastri sono costruiti intorno ad argomenti (topic) e parole chiave ben precise, in linea con la strategia SEO.

content strategy

Così facendo, si creano gruppi ben strutturati di articoli che trattano argomenti simili e collegati tra loro, per fornire informazioni il più possibile dettagliate e precise.

Questo permette ai contenuti del blog, al sito web e di conseguenza all’azienda di ottenere una maggiore autorevolezza e di essere riconosciuta (sia dai motori di ricerca, sia dai clienti) come fonte di informazioni. Essere considerati esperti del settore è fondamentale per creare una relazione di fiducia e di stima con i potenziali clienti che si trasformi poi in una partnership solida e a lungo termine.  

Come avviare una strategia di content marketing b2b efficace?

Possiamo identificare alcuni passaggi fondamentali, eccoli di seguito.

1. Analizza i tuoi attuali contenuti

Molto probabilmente saranno già presenti sul sito aziendale molti contenuti, soprattutto se in passato si era tentato di avviare una content strategy.

Il primo passo è analizzarli e capire quali possano essere approfonditi, quali siano ormai datati e se vi siano lacune da colmare. Anche se l’organizzazione e la struttura dei contenuti può essere modificata, l’obiettivo deve essere sempre lo stesso: fornire valore agli utenti attraverso articoli, guide, video, whitepaper, grafici, immagini e così via.

2. Organizza i tuoi contenuti

Una volta identificati tutti i contenuti esistenti, è il momento di organizzarli, selezionando gli argomenti generali e le categorie all’interno delle quali posizionarli.

Queste categorie potrebbero diventare spunti utili per creare nuove pagine pilastro, se ci accorge che uno degli argomenti è particolarmente interessante, di tendenza o poco trattato precedentemente.

3. Assegna delle priorità

I contenuti analizzati e organizzati devono essere pensati e creati in base al pubblico target a cui si rivolgono. È necessario, quindi, identificare quali sono i contenuti più interessanti per le proprie buyer persona e dare loro maggiore risalto all’interno della content strategy.

4. Identifica eventuali mancanze

Le eventuali lacune all’interno della content strategy possono rappresentare grandi opportunità. Può capitare di rendersi conto di non aver trattato in modo adeguato un argomento che potrebbe diventare un articolo del blog aziendale. Un consiglio? Sfruttare questa possibilità il prima possibile.

content strategy5. Crea un piano d’azione

Una volta compresi gli argomenti da trattare e stabilito l'ordine di importanza, è il momento di iniziare a creare contenuti.

Quando si decide di avviare una content strategy nel b2b, bisogna avere tenere a mente alcune piccole regole:

  • la qualità è la chiave per avere successo; è vero che l’ottimizzazione SEO, l’utilizzo di keyword specifiche e i link sono utili per farsi trovare nella prima pagina dei motori di ricerca, ma se il contenuto non offre alcun valore aggiunto ai prospect, qualsiasi strategia sarà totalmente inutile
  • i contenuti devono essere costruiti per rispondere alle domande e alle esigenze specifiche e ben definite delle buyer persona, in modo da risolvere i loro dubbi o bisogni; se non si conosce il pubblico di riferimento, non è possibile offrire contenuti che suscitino un reale interesse
  • l’analisi dei contenuti è un processo in continua evoluzione; la strategia deve essere aggiornata costantemente, per verificare il raggiungimento degli obiettivi, identificare nuovi argomenti e fare eventuali aggiustamenti.

Se vuoi costruire una content strategy di successo ma non sai da dove iniziare, puoi affidarti a un’agenzia specializzata che sappia guidarti e consigliarti al meglio. Puoi prenotare una consulenza gratuita e senza impegno con uno dei nostri esperti, cliccando qui!

New Call-to-action

Topics: SEO, Content Marketing, Incrementare il traffico al sito