<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=19740&amp;fmt=gif">
Creare la buyer persona grazie ai social media aziendali

Pubblicato da Ron Benvenisti il 17-ott-2016 10.00.00

🕓 Tempo di lettura: 3 minuti

Mi puoi trovare su:

social_media_aziendali-1.png

 

I social media aziendali sono uno dei canali principali dell'inbound marketing, la strategia di più adatta alle aziende B2B nell'era digitale. La buyer persona è un concetto molto presente all'interno della metodologia inbound che si basa sulla costruzione e condivisione di contenuti utili ad attrarre clienti ideali (rappresentati dal profilo della buyer persona, appunto), convertirli in lead validi e infine in clienti.

In questo articolo vedremo nel dettaglio come usare i social media aziendali per creare il ritratto del cliente che volete attirare al vostro brand.

Parleremo di

  • A cosa serve la buyer persona
  • Come usare i social media aziendali per definire la buyer persona
  • Cosa fare se non avete una community ampia
  • Come usare la buyer persona nei social media aziendali

 

Tra i social network aziendali, oggi ci concentreremo in particolare su Facebook e la sua sezione Insights che fornisce molte informazioni riguardo agli utenti che seguono la vostra pagina istituzionale o interagiscono con i contenuti pubblicati.

A cosa serve la buyer persona

Avere sempre in mente il profilo del cliente per il quale si svolgono le attività di content marketing è fondamentale sia per trovare nuove opportunità di business che per la retention dei clienti esistenti perché permette di comunicare messaggi utili, interessanti e altamente personalizzati, tagliati su misura sulle esigenze del pubblico target.

Ecco alcuni aspetti positivi derivanti dalla definizione del profilo della buyer persona per la vostra strategia di marketing B2B: migliora la relazione con i clienti, alimenta la creatività ed ispira la creazione di contenuti per spiegare l'uso dei vostri prodotti o servizi ad una persona reale, aiuta a comprendere il pubblico e a targettizzare i messaggi per migliorare il tasso di conversione in lead.

Esistono sempre delle nicchie di pubblico che useranno i vostri prodotti/servizi in modi diversi o per scopi diversi, tenetele sempre in considerazione creando diverse buyer persona.

 

Come usare i social media aziendali per definire la buyer persona

Come anticipiato, la sezione Insights della pagina Facebook permette di conoscere i propri fan, definire meglio i destinatari delle campagne e ottenere maggiori informazioni sulle persone che hanno indicato "Mi piace" alla pagina o che hanno commentato, condiviso e cliccato "Mi piace" sui post.

Per creare le giuste buyer persona basandosi su questi dati, però, occorre prima scegliere il pubblico giusto da esaminare. Il rischio è che tra i follone non ci siano solo clienti attuali o potenziali, ma anche semplici seguaci interessati al settore, conoscenti, colleghi e influencer.

Potete però scoprire le seguenti caratteristiche degli utenti: sesso, città, dispositivo, fonte del traffico. In questo modo potete avere un quadro più preciso delle loro abitudini online e allineare la vostra proposta di riflesso.

 

Cosa fare se non avete una community ampia

Un'altra opzione molto valida è la possibilità di sponsorizzazione sui social media aziendali: a seconda del budget e del canale scelto potete ottenere ottimi risultati per dare la giusta spinta iniziale ai contenuti. Ma soprattutto le possibilità di selezionare solo il segmento di pubblico che vi interessa attirare sono molto avanzate.

Su Facebook ad esempio, potete scegliere di mostrare i vostri contenuti sponsorizzati solo a determinate categorie di pubblico a seconda degli interessi o delle pagine che sseguono, dell'età, dell'area geografica e così via.

New Call-to-action

 

Come usare la buyer persona nei social media aziendali

Personalizzate le vostre inserzioni e createne diverse (immagini, descrizioni, titoli e contenuto) per ogni tipologia di buyer persona identificata nella definizione della strategia di web marketing. Il bello delle attività inbound è che l'ottimizzazione è continua, quindi ci potranno essere delle modifiche del target "in corsa" anche grazie ai riscontri ottenuti o non ottenuti da una campagna sponsorizzata sui social aziendali e la stessa buyer persona verrà utilizzata per la produzione di campagne email, di marketing automation, post per il blog aziendale, ecc.

 

 



CONCLUSIONI

Avevate già sentito parlare di buyer persona? Chi sono le vostre? Come avete creato i profili dei vostri clienti ideali? E come costruite i contenuti per i social media aziendali? Fateci sapere tutto con un commento qui sotto!

 

E per approfondire metodi e strategie dell'inbound marketing o sapere se si possa integrare alla vostra realtà aziendale, cliccate qui

 

Prenota 30 minuti GRATIS con un esperto Inbound 

 



 

Topics: Social Media