<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=19740&amp;fmt=gif">

Fontimedia Marketing Blog

Le potenzialità ancora da sfruttare del digital in Italia

Pubblicato da Valeria Caglioni il 24-gen-2019 12.30.00

🕓 Tempo di lettura: 3 minuti

digital in italiaIl mondo del digital nel nostro Paese finalmente sta decollando. È quanto afferma un articolo pubblicato da Affari Italiani, riprendendo i dati raccolti dall'Osservatorio di Digital Innovation del Politecnico di Milano.

Le imprese ICT sono in forte sviluppo, così come quelle che si occupano dell'analisi dei Big Data. Ecco alcuni dati e riflessioni più nel dettaglio.


Il digital in Italia: la crescita delle imprese ICT

Secondo i dati dell'Osservatorio, le imprese ICT hanno aumentato i loro ricavi tra il 2012 e il 2017 del 7,3%, con un margine di circa il 10% che sale a oltre il 50% per le start-up.

Vediamo nel dettaglio quali sono le attività digital con il maggiore potenziale per le imprese, a partire dall'inbound marketing.

 

L'inbound marketing come opportunità

Crescono gli investimenti nel digital marketing: anche se ad oggi rappresentano solo l'1% del fatturato complessivo, questa percentuale è destinata a crescere per quasi tutte le imprese.

Tra le opportunità più interessanti ci sono quelle offerte dall'inbound marketing che non vengono però ancora pienamente sfruttate. Social media e content marketing fanno parte delle attività di molte imprese italiane, ma poche inseriscono queste iniziative all'interno di una strategia integrata, come permetterebbe di fare l'Inbound, perdendo gran parte delle opportunità di moltiplicare i risultati.

Se per il 46% delle imprese il sito web è ancora oggi solo una vetrina della propria attività, è il momento di adottare nuovi metodi per trasformarlo in strumento redditizio.

 

Big Data Analytics: lo sviluppo di mercato

Il mercato dei Big Data ha raggiunto 1,4 miliardi di Euro, crescendo di oltre il 26% nell'ultimo anno, anche se il peso delle PMI resta modesto all'interno di questa evoluzione.

Secondo i dati dell'Osservatorio, la frequenza di analisi dei dati avviene per il 3% delle imprese in tempo reale e per il 14% in tempo quasi reale. Percentuali che dovrebbero crescere ancora, considerando l'importanza di conoscere subito il feedback di mercato alle proprie attività e di poterle ottimizzare in tempo reale. Il 45% degli investimenti in Big Data riguarda i software utili a raccogliere ed elaborare i dati, il 34% viene utilizzato invece per i servizi correlati, per integrare, personalizzare e aggiornare i sistemi.

 

New Call-to-action

 

L'affermazione del mobile

Il mobile advertising occupa il 40% del totale delle campagne su internet. La crescita degli investimenti delle aziende per il mobile adv è salito del 49%, con un incremento del 126% per i video.

digital in italia - mobile

Le imprese dovrebbero rispondere a questa trasformazione adattando i loro strumenti digitali: cosa che in parte è avvenuta, visto che il 68% dei siti aziendali è responsive, ma molto c'è ancora da fare, dato che il 46% degli utenti dice di aver cambiato sito ed essere passato a quello di un competitor per problemi di usabilità.

 

L'aggiornamento del personale

Le imprese hanno dedicato il 54% dei loro investimenti del settore HR allo sviluppo di cultura e competenze digitali e il 41% ai cambiamenti dei modelli di organizzazione.

Il 35% delle aziende ha dichiarato di aver messo a punto una strategia sulle persone, ovvero una serie di iniziative per l'aggiornamento digitale, e il 48% ha detto di volerlo fare nel prossimo futuro. Il 49% si è impegnato a diffondere in azienda la cultura della digital transformation e il 54% ha valutato il gap tra nuove competenze richieste dall'innovazione e quelle già presenti nell'organizzazione, così da capire l'entità dell'aggiornamento da attuare.

 


 

In conclusione lo scenario del digital in Italia, dopo anni di timida crescita rispetto agli altri Paesi, sembra essere promettente, anche se c'è ancora chi non vede le opportunità dell'innovazione: secondo un altro studio pubblicato recentemente da Deloitte, il 32% degli imprenditori riconosce la necessità di adottare nuove tecnologie e solo il 18% dei piani di sviluppo è destinato alla formazione delle risorse umane in grado di utilizzarle.

Se davvero si vuole vedere evolvere la propria impresa, occorre cambiare innanzi tutto mentalità e abitudini, investendo non solo in tecnologia, ma anche in competenze, nuovi strumenti di marketing e facendo crescere professionisti in grado di utilizzarli. Solo con una visione a lungo termine si potrà offrire un servizio innovativo ai clienti, contribuendo all'Italia digitale del prossimo futuro.

 

Cosa aspetti? Inizia oggi e scopri la strada per l'innovazione più adatta alla tua realtà.

 New Call-to-action



 

Topics: Strategia digitale B2B, Digital Marketing B2B, digital transformation